Smaltimento macerie dal cantiere | Rimozione detriti a Bologna | Ristrutturazione appartamento

Come smaltire i rifiuti edili secondo il Testo unico dell’ambiente



L’onere dello smaltimento corrisponde al soggetto che li ha generati. Molto spesso è l’impresa che effettua i lavori edili a dover assolvere questo onere.


In tal caso deve compilare un formulario in cui specificherà, oltre alla propria ragione sociale, da dove ha origine il materiale di scarto, il tipo di materiale, la quantità, l’impianto di smaltimento di destinazione e infine il tragitto che intende percorrere nella fase di trasporto.


Nel caso in cui l’originatore dei prodotti di scarto sia un privato cittadino durante l’esecuzione di lavori in economia, lo smaltimento è a suo carico.


I materiali edili sono stati definiti materiali speciali in quanto alcuni di questi sono tossici e devono obbligatoriamente essere smaltiti secondo determinati criteri.


Come per i rifiuti quotidiani che vanno raccolti in modo differenziato a seconda del materiale, così è obbligatorio fare per gli scarti edili.


Non si possono mettere tutti in un cassonetto ma, ancor prima di iniziare i lavori, si dovrebbero predisporre delle aree dove conferire i rifiuti a secondo del materiale.


Per esempio: murature, calcinacci, laterizi, malte e intonaci vanno separati da materie plastiche, legno e metalli vari come il ferro, l’alluminio.


La separazione è d’obbligo perché ciascuno scarto dovrà essere riciclato e trasformato in modo diverso.


#ProntoIntervento #ProntoInterventoBologna #StavecoCostruzioni #Ristrutturazione #ImpresaEdile #ImpresaEdileBologna

#staveco #Ristrutturarecasa



348 515 3555 / 051 560 494

© 2021 Staveco Costruzioni S.R.L


https://www.stavecocostruzioni.it/residenziale

12 visualizzazioni0 commenti