top of page

Rischi dovuti al gas negli impianti domestici, Fughe di gas!

Istruzioni di comportamento in caso di fuga di gas.

Rischi dovuti al gas negli impianti domestici

La maggior parte degli Italiani utilizzano il gas per uso domestico. Il gas viene impiegato per cucinare, per riscaldare l'acqua, per riscaldare la casa. L'uso diffuso del gas è dovuto alla sua relativa economicità rispetto all'elettricità. Tuttavia, l'uso di apparecchi a gas comporta una manutenzione e può essere potenzialmente pericoloso. Il gas è altamente infiammabile ed esplosivo e può causare problemi respiratori in caso di fuoriuscita. Esistono norme precise per l'installazione di apparecchiature a gas ed il mancato rispetto di dette norme può mettere in situazioni potenzialmente di pericolo l'utente.

Si utilizzano due diversi tipi di gas per l’uso domestico: il gas naturale (metano) o il gas liquefatto (GPL).

Cos'è il gas naturale? Il metano entra in ITALIA dalla Russia, dall’Algeria, dalla Libia, dall’Olanda e dalla Norvegia attraverso lunghi gasdotti e qui viene distribuito a tutti gli utenti. Il gas liquefatto viene raccolto in serbatoi e distribuito mediante bombole, oppure sono installati serbatoi di gas sotterranei in grandi aree residenziali, da cui il gas viene ulteriormente distribuito attraverso condotte. Pertanto, dovresti sapere che il gas domestico nelle bombole è gas liquefatto e il gas proveniente dai tubi può essere, a seconda delle zone, sia liquefatto che naturale.

Il componente principale del gas naturale è il metano, un gas incolore, inodore, estremamente infiammabile: può prendere fuoco da fiamme, scintille, calore. Un'esplosione di gas è possibile all'aria aperta, all'interno, nelle fogne, ecc. Può verificarsi un'esplosione se la stanza è piena di gas nella quantità del 5-15% e si accende.

Il gas naturale è più leggero dell'aria, il che significa che quando perde si mescola con l'aria e inizia a salire più in alto, ma bisogna sempre tenere conto del fatto che i flussi d'aria che accompagnano la ventilazione o il ricambio d'aria possono trasportare gas anche lateralmente. Ciò significa che, in caso di fuga, sono generalmente a rischio gli appartamenti e gli altri locali situati sopra, ma il gas può spostarsi anche nei locali adiacenti.

Il gas naturale ha un effetto principalmente soffocante sulle persone. In termini di tossicità, non è molto pericoloso: ha un leggero effetto narcotico. Quando circa il 10% dello spazio è riempito di gas, sono possibili anche sonnolenza, mal di testa e malessere. Quando la quantità di gas aumenta al 20-30%, porta a una pericolosa carenza di ossigeno, che può causare soffocamento.

Cos'è il gas liquefatto?

Il componente principale del gas naturale liquefatto è il propano. Come il metano, il propano è un gas incolore e inodore estremamente infiammabile ed esplosivo. Il propano è esplosivo quando il 2-11% dello spazio è pieno di gas. Una scintilla, anche se causata da elettricità statica, può provocare un'esplosione. Il propano non è direttamente tossico, ma quando entra nell'aria in grandi quantità può causare asfissia a causa della diminuzione del contenuto di ossigeno. Se inalato, può provocare sonnolenza, nausea, malessere, mal di testa e debolezza.

Il propano è più pesante dell'aria e quindi, quando perde, il gas tende a scendere in luoghi bassi - sul pavimento di una stanza, in nicchie, scantinati, pozzi fognari, ecc. Pertanto, in caso di perdita, sono principalmente gli appartamenti situato sotto, scantinati pericolosi.

Affinché una persona capisca che c'è una fuga di gas, una piccola quantità di sostanze odorose viene aggiunta ai gas utilizzati nella vita di tutti i giorni. Gli odori conferiscono al gas il suo caratteristico odore. Se il gas fuoriesce da un gasdotto sotterraneo e sale in superficie attraverso il terreno, gli odori vengono filtrati e l'odore caratteristico viene perso, quindi il contenuto di gas nell'aria può essere rilevato solo utilizzando un analizzatore di gas.

È caratteristico di un'esplosione di gas che al momento dell'esplosione si spenga anche il fuoco che ha causato l'esplosione. Ciò significa che di solito non si verifica alcun incendio dopo un'esplosione di gas. Ciò accade per due motivi: in primo luogo, l'esplosione avviene in brevissimo tempo. Durante questo periodo, altri oggetti nella stanza non hanno il tempo di prendere fuoco e il gas acceso si spegne immediatamente da solo. In secondo luogo, un'esplosione nella stanza crea una pressione così alta da spegnere la fiamma. La pressione risultante è abbastanza grande da distruggere le strutture più deboli e i gas fuoriescono.

Per ridurre l'impatto di un'esplosione, porte, finestre e tombini negli impianti a gas sono installati in modo tale da aprirsi verso l'esterno e quindi rilasciare gas esplosivi. Inoltre, i soffitti sono realizzati con pannelli leggeri e aumentano le dimensioni delle superfici vetrate. Se le stesse condizioni sono soddisfatte in altre stanze o edifici in cui viene utilizzato il gas, il danno causato dall'esplosione sarà minimo. Se c'è una perdita di gas nella stanza, ma non c'è contatto con una fonte di accensione, ad un certo punto si forma una miscela satura (troppo gas e troppo poco ossigeno), che non è più infiammabile.


Situazioni di emergenza

  • Possibili emergenze e incidenti sui gasdotti:

  • perdita di gas nell'edificio

  • danno meccanico al gasdotto

  • interruzione della fornitura di gas

  • fuga di gas all'esterno dell edificio

  • sbalzi di pressione del gas nella rete

  • accensione incontrollata del gas

  • esplosione negli edifici collegati alla rete del gas

  • incendio all'interno o intorno alla zona di pertinenza del gasdotto


AZIONI IN CASO DI FUORIUSCITA DI GAS È importante seguire le istruzioni per l'uso degli apparecchi a gas date dal produttore e riportate nel libretto di uso e manutenzione, che è stato fornito al momento dell’acquisto e/o dell'installazione,ricordarsi di fare le manutenzioni previste.

La causa più comune in un incidente con il gas è una perdita, che può essere dovuta a: una scorretta installazione delle apparecchiature, alla vetustità dell’impianto, ad errori operativi, ad incuria, ecc. Una fuga di gas di per sé non è necessariamente ancora un disastro, ma determina una potenziale situazione di pericolo, ma può generare un incidente se si sommano ulteriori azioni non corrette.

Quando si acquista una bottiglia di gas liquefatto (GPL), bisogna assicurarsi che l'azienda che le vende fornisca un servizio tempestivo in caso di malfunzionamento delle stesse al fine di evitare qualsiasi incidente. Mettere in evidenza i riferimenti telefonici del Pronto Intervento del gas naturale (metano) affinché si possano contattarli in caso di emergenza..

Istruire i membri della famiglia (soprattutto i bambini) su come comportarsi in caso di incidente con il gas.


DURANTE UN INCIDENTE CON GAS Rilevamento fughe di gas Regole di base in caso di rilevamento di una fuga di gas:

  • se possibile, chiudere l'alimentazione del gas posta in corrispondenza del contattore

  • ventilare i locali aprendo porte e finestre

  • non utilizzare fiamme libere o elettricità all'interno

  • uscire dalla zona di pericolo

  • informare le altre persone presenti nell’immobile del pericolo rilevato

  • allertare il Pronto Intervento

  • se possibile, spegnere l'elettricità nell'area interessata dalla fuga di gas

Interruzione dell'alimentazione del gas L'interruzione dell'alimentazione del gas dipende da dove si verifica la perdita. Se la causa della perdita è un rubinetto aperto sul fornello, questa è la situazione più semplice.

Dopo aver spento il fuoco sul fornello a gas, è necessario chiudere immediatamente tutti gli interruttori del gas. Se, tuttavia, la tubazione è danneggiata, è necessario chiudere la valvola attraverso la quale il gas entra in questa tubazione.

Nel caso delle bombole del gas, è chiaro che se il gas perde da qualche parte, la bombola deve essere chiusa rapidamente. Se la bombola è danneggiata, è necessario chiamare immediatamente l'azienda dove è stata acquistata la bombola o chiamare i Vigili del Fuoco 115.

Ventilazione della stanza

I locali devono essere ventilati rapidamente in modo che non si formi una miscela di gas esplosiva. Le finestre e le porte aperte contribuiranno a ridurre i danni in caso di esplosione. Per garantire che il pericolo sia passato di sicuro, l'aerazione deve essere eseguita per almeno 30 minuti. Ciò dovrebbe mantenere l'aria pulita, a condizione che il gas non entri più. Scintille ed elettricità Qualsiasi fonte di accensione - una fiamma libera, una scintilla elettrica, ecc. - può accendere il gas nell'ambiente e, a seconda della concentrazione del gas, provocare un'esplosione. Per prevenire il verificarsi di scintille elettriche, dopo aver rilevato un pericolo, non accendere o spegnere alcun dispositivo elettrico né rimuovere la spina dalla presa. È noto che ogni accensione/spegnimento genera piccole scintille in questo luogo. Anche se una luce è accesa in una stanza piena di gas, è più sicuro lasciarla accesa che spegnerla, poiché spegnendola si possono creare scintille. Molto spesso, tali situazioni si verificano in cucina, perché lì si trovano le stufe a gas. Da un punto di vista elettrico, un frigorifero è un dispositivo molto pericoloso, poiché accende e spegne automaticamente il compressore a determinati intervalli. Inoltre viene fornito con una scintilla pericolosa. Pertanto, è più sicuro spegnere l'elettricità nell'intera zona pericolosa - nell'intero appartamento, casa, ecc.

ATTENZIONE! Spegnere l'alimentazione solo in un luogo dove non c'è odore di gas, come in un vano scale, o in un'altra stanza.

Lascia la zona di pericolo

Informare immediatamente le altre persone nelle vicinanze del pericolo e abbandonare l'area di pericolo. È necessario chiamare al più presto o chiamare i Vigili del Fuoco 115.


Scala e seminterrato

Se l'odore di gas è apparso sul vano scala della casa, dovresti, se possibile, aprire le finestre del vano scala e la porta d'ingresso per la ventilazione. Se il gas entra nell'ingresso dal seminterrato, non si deve ventilare il seminterrato attraverso il vano scale, perchè ciò può provocare un pericolo per i residenti.



Vietato andare in cantina! Devi aprire la porta esterna del seminterrato ed uscire dalla zona pericolosa.

Se interrompendo l'alimentazione del gas e ventilando i locali non è possibile ridurre la concentrazione di gas nei locali, bisogna iniziare l'evacuazione delle persone presenti nell’immobile. Tutti le persone devono essere informati che è vietato l'uso di fiamme libere, il fumo e l'accensione e lo spegnimento di apparecchiature elettriche. Se una perdita di gas non viene rilevata o ci vuole molto tempo per eliminarla, i tecnici chiudono l’alimentazione dell'intero immobile. L'odore di gas può anche penetrare nel seminterrato da un gasdotto sotterraneo danneggiato.

Fuga di gas all'esterno dell'edificio Se l'odore di gas viene rilevato all'esterno degli edifici, potrebbe provenire da una fuga di gas sotterranea. In questo caso sono a rischio gli edifici situati entro un raggio di 50 m dalla perdita. Il gas penetra attraverso le cantine. È necessario adottare tutte le misure (fermare il traffico, evacuare le persone, ventilare i locali) per prevenire esplosioni, soffocamenti e altri incidenti. Da un tubo del gas danneggiato, il gas penetra nel terreno e risale in superficie attraverso la pavimentazione stradale. In inverno, il gas sale fino a formare uno strato di ghiaccio e talvolta può diffondersi abbastanza lontano lungo la fondazione sabbiosa della strada. Se l'odore del gas si sente in molti appartamenti o in una zona della città, questo indica un pericolo reale. Un aumento della pressione del gas potrebbe causare guasti ai contatori del gas di consumo e perdite nelle condutture o nelle apparecchiature. In questo caso è necessario avvertire immediatamente i Vigili del Fuoco chiamando il 115 chiudere i rubinetti dei contattori, arieggiare i locali e attendere l'arrivo degli esperti. Avvisare la centrale d'allarme Quando si chiama il Pronto Intervento o i Vigili del Fuoco, si deve rispondere alle domande che vengono fatte dall’operatore, segnalare quanto segue:

  • cosa è successo (natura generale e segni dell'incidente - odore, danni visibili, incendio, ecc.)

  • il luogo in cui è avvenuto l'incidente o dove è stato rilevato odore di gas (questo luogo è al chiuso, sulle scale, nel seminterrato, all'esterno degli edifici?)

  • dove sono ubicati i rubinetti vicino al luogo dell'incidente dove è possibile chiudere la condotta che porta alla perdita (l'alimentazione del gas è bloccata?)

  • se vi sono apparecchiature elettriche collegate alla rete nei locali (c'è elettricità nei locali?)

  • se vi sono fiamme libere nelle vicinanze (candele, camino, stufa, ecc.)

  • da quanto tempo è stato rilevato l’odore di gas

  • se vi sono altre persone, edifici vicini o altri elementi a rischio

  • il tuo nome e i dettagli di contatto

DOPO L'INCIDENTE DI GAS Non dimenticare di aiutare i tuoi vicini e altre persone che potrebbero aver bisogno di cure e assistenza speciali: anziani e altre persone con disabilità. Dopo aver allontanato le persone dall'ambiente pieno di gas, dovresti iniziare a fornire loro il primo soccorso e chiamare un'ambulanza. Non accendere il gas e/o apparecchiature elettriche finché non sei sicuro che l'odore del gas sia completamente scomparso e tutte le stanze e gli armadi siano adeguatamente ventilati. Segnalare la perdita di apparecchi a gas o bombole al tecnico del gas. Prima di utilizzare apparecchiature associate a una perdita di gas, gli esperti dovrebbero sempre controllare le apparecchiature a gas e/o le bombole del gas e sostituirle se necessario. Emergenza 112 / 115 Pronto Intervento SosCasah24.net 371 435 4944 (24 ore su 24, 7 giorni su 7)












19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page